La Mercedes GLC sceglie l’ibrido

L’ESTERNO È SIMILE, MA L’INTERNO… – Se lo stile del nuovo Mercedes GLC rappresenta una ragionata evoluzione di quella della generazione precedente, sotto la carrozzeria e all’interno dell’abitacolo troviamo molte novità. Oltre alla ricca dotazione tecnologica, la gamma motori decreta il cambio di passo: in linea con il piano della Mercedes, che dal 2025 intende lanciare solo nuove auto elettriche, inizia oggi l’elettrificazione del marchio, proponendo il nuovo SUV unico con motori ibridi (sia plug-in che mild-hybrid).

SOLO IBRIDO E CON 4 CILINDRI – Il nuovo Mercedes GLC sarà esclusivamente a trazione integrale, con cambio automatico 9G-tronic e una gamma di motori completamente elettrificati; la componente termica sarà sia benzina che quattro cilindri diesel. A partire dalle versioni mild hybrid, sono tre le versioni previste al lancio: quelle a benzina GLC 200 4matic con 204 CV e 320 Nm di coppia e la più potente GLC 300 4matic da 258 CV e 400 Nm. La versione diesel sarà una sola, la GLC 200d 4matic con 197 CV e 440 Nm di coppia. Tutti e tre i motori sono affiancati da un’unità elettrica ISG da 48V: si tratta di un motore attuale che funge anche da generatore, il dispositivo alimenta il nuovo GLC con 23 CV e 200 Nm, da utilizzare in fase di accelerazione. Grazie anche alla sua funzione di alternatore, l’ISG permette il recupero di energia.

LE COLLEGAMENTI – Quando arriverà nelle concessionarie il prossimo autunno, il Mercedes GLC conterrà anche tre tipi di motori collegare. Caratterizzato da una maggiore potenza, grazie alla presenza del motore elettrico da 100 kW, il sistema è alimentato da una batteria della capacità di 31,2 kWh, ricaricabile in circa 30 minuti (da completamente scarica) con il caricabatteria da 60 DC. kW (a richiesta), oppure normalmente con l’impianto da 11 kW. In modalità completamente elettrica, tutti i plug-in hanno un’autonomia di oltre 100 km, mentre si passa alla benzina ad alte prestazioni 300e 4Matic e 400e 4Matic hanno rispettivamente 313 CV e 550 Nm di coppia (per il primo), e 381 CV e 650 Nm per il secondo; quest’ultimo è il più veloce del lotto, capace di raggiungere i 100 km/h partendo da fermo in 5,6 secondi. La versione diesel 300d e 4Matic ha una potenza complessiva di 335 CV e 750 Nm.

STILE E DIMENSIONE – Il nuovo Mercedes GLC è stata aggiornata anche nello stile, pur mantenendo le proporzioni attuali, si riconosce per le linee più tese e piene, la calandra anteriore e i fari anteriori a LED sono stati ridisegnati. La coda, invece, presenta gruppi ottici sdoppiati con effetto tridimensionale, mentre sono disponibili cerchi da 18 a 20 pollici di diametro; inoltre, per la prima volta su GLC sarà possibile scegliere passaruota abbinati, grazie agli allestimenti della linea AMG. La carrozzeria acquisisce invece qualche centimetro in più: ora il SUV tedesco è lungo 471 cm (6 in più rispetto alla versione precedente), mentre il bagagliaio cresce fino a 600 litri (50 in più sull’attuale GLC), tuttavia il nuovo design permette di migliorare l’efficienza aerodinamica, con il CD (coefficiente aerodinamico) passato da 0,31 a 0,29.

COME LA CLASSE C – L’interno di quello nuovo Mercedes GLC riprendono l’ultima configurazione proposta dalla casa tedesca, vista sull’ultima Classe C, con la nuovissima plancia che si allunga verso gli occupanti circondata da sottili luci a LED. Sono presenti cinque prese d’aria arrotondate, e il “clima” è gestito dal display centrale verticale da 11,9 pollici, mentre quello per il guidatore è da 12,3 pollici. L’abitacolo è dotato del sistema di infotainment Mercedes MBUX di ultima generazione, tra le varie funzioni include la realtà aumentata (in opzione) che utilizza immagini registrate dall’esterno per migliorare la navigazione, l’assistente vocale “hey mercedes” e la connettività con la domotica. Inoltre, all’MBUX è possibile aggiungere il sensore di impronte digitali per accedere al sistema e all’head-up display, che proietta le informazioni di navigazione e assistenza alla guida sopra il cofano e sul lato guida.

ASSALE POSTERIORE STERZANTE – La tecnologia del nuovo Mercedes GLC scorre anche all’esterno dell’abitacolo, infatti è possibile richiedere l’assale posteriore sterzante, con angolo di sterzata fino a 4,5 gradi che migliora l’agilità e la maneggevolezza del veicolo (entra in funzione solo sotto i 60 km/h) . Per il fuoristrada è disponibile il pacchetto tecnico, che comprende sospensioni pneumatiche, protezioni sottoscocca e un’altezza da terra maggiorata di 20 millimetri, mentre per gli sportivi è disponibile la versione della linea AMG con sospensioni ribassate. Aggiornati i sistemi ADAS, affinato il dispositivo di riconoscimento della segnaletica stradale e quello utilizzato per il rilevamento della distanza (ora reagisce e riconosce i veicoli fermi sulla carreggiata anche quando il GLC viene lanciato a 100 km/h). Migliorato anche il sistema di assistenza al parcheggio con telecamere a 360 gradi; infine, come optional sono disponibili anche le luci digitali, che sfruttano le linee di riferimento della traiettoria nelle curve e nelle animazioni, oltre alla funzione riflettore che individua e delinea i pedoni in condizioni di scarsa visibilità.

Leave a Reply

Your email address will not be published.