Star Wars: Obi-Wan Kenobi 1×03, la recensione

La recensione di Star Wars: Obi-Wan Kenobi 1×03, la nuova miniserie TV su Disney+ che prosegue con l’attesissimo scontro tra Obi-Wan Kenobi e…

Ebbene, Star Wars: Obi-Wan Kenobi Part III è quell’episodio di cui si parlava anche prima dell’inizio della serie, quando la Disney iniziò a rivelare il cast e le immagini promozionali. Analizzarlo senza cadere nello spoiler sarebbe impossibile, quindi ve lo diciamo subito: questa è una recensione spoiler. Potremmo non entrare nei dettagli specifici, ma analizzeremo comunque i momenti chiave di questo episodio, che sono profondamente collegati agli spoiler di cui sopra. Insomma, se non avete ancora visto la Parte III, scappate.

Ma poi torna indietro e scrivi cosa ne pensi, perché siamo sicuri che questo terzo episodio di Obi-Wan Kenobi sarà enormemente divisivo per una serie di motivi. Dopotutto, torna. Come sarebbe “colui che”? Vi avevamo avvisato, ma se gli spoiler non vi spaventano continuate a leggere il nostro Recensione di Obi-Wan Kenobi 1×0. Questa è la tua ultima possibilità.

Il cuore…


Star Wars: Obi-Wan Kenobi, Leia continua ad essere la migliore sorpresa della serie
Star Wars: Obi-Wan Kenobi, Leia continua ad essere la migliore sorpresa della serie

Ora che è passata quasi una settimana dal debutto di Obi-Wan Kenobi su Disney+ possiamo nominare quel piccolo personaggio che ci ha sorpreso positivamente e che continua a rappresentare il cuore della nuova produzione televisiva: Leia. La piccola principessa di Alderaan continua a rubare i riflettori a Ewan McGregor. Sarà vero Vivien Lyra Blair non parla esattamente come una bambina di dieci anni – ma Leia era decisamente precoce, anche secondo i flashback nell’Universo Espanso – ma le sue battute sono fantastiche anche quando mettono Obi-Wan nei guai, un po’ come facevano in questo episodio. . C’è già una scintilla di quella coraggiosa ribelle che sarà Leia da grande, mescolata all’ingegno e all’ottimismo di una ragazzina che riesce a sbloccare la parte migliore di Obi-Wan. E questo ci fa perdonare i ridicoli inseguimenti nei primi due episodi

McGregor, dal canto suo, continua a lavorare bene su un personaggio che ci viene presentato da una prospettiva abbastanza nuova, quella del disturbo da stress post-traumatico che continua a perseguitarlo dopo ilOrdine 66 e il duello su Mustafar.

Dividendo idealmente questo episodio in due, il cuore della nuova serie TV etichettata Star Wars emerge nella prima metà. Ci sono alcuni momenti brillanti, come quello in cui Obi-Wan racconta di quando era un bambino e fu portato via dalla sua famiglia per unirsi all’Ordine Jedi, gettando l’ennesima ombra su un culto che non era così infallibile come avrebbe voluto sembrare. . E piccole citazioni che promettono omaggi di benvenuto, come quando Obi-Wan riconosce una dedica di Quinlan Vos sul muro del nascondiglio: per chi non lo sapesse, Quinlan Vos era un Jedi di Obi-Wan molto amichevole, ma anche abbastanza anticonformista, praticamente una sorta di Qui-Gon 2.0. Fu scelto per infiltrarsi nei ranghi dei Separatisti e assassinare i Conte Dooku e forse Darth Sidious, come raccontato nel romanzo canonico Star Wars: Dark Disciple di Christie Golden.

Ora sappiamo che Vos è sopravvissuto all’Ordine 66, ma i fumetti canonici di meraviglia concentrandoci su Darth Vader ci ha confermato che Vos è morto ad un certo punto. Lo vedremo in versione live action? Molto probabile a questo punto.


Star Wars: Obi-Wan Kenobi, Tala potrebbe essere una grande aggiunta al cast
Star Wars: Obi-Wan Kenobi, Tala potrebbe essere una grande aggiunta al cast

La prima parte dell’episodio, insomma, affonda le sue mani nel canone di Star Wars, riempiendoci di chicche e ricordandoci quanto sia vasto e interconnesso questo universo. Se non altro, Obi-Wan Kenobi è una serie televisiva che si estende da un pianeta all’altro, e infatti questo terzo episodio si svolge in un nuovo mondo, Mapuzo. Serve anche a ricordarci che siamo negli anni in cui iniziò a nascere la Ribellione, e lo fa attraverso un nuovo personaggio: Tala. L’attrice che la interpreta, Indira Varma, ha un legame indiretto con Star Wars, poiché interpretava Ellaria Sand in Il Trono di Spade, e suo marito, in quella serie TV, era Oberyn “The Viper” Martell. Chi era l’attore che lo interpretava? Pedro Pasquale. E chi è che ora interpreta Pedro Pascal? Esatto, il protagonista di The Mandalorian.

Varma è un’attrice grintosa che caratterizza bene la figura forte ma allo stesso tempo emotiva di Tala. Non sappiamo se Tala continuerà ad aiutare Obi-Wan nei prossimi episodi, soprattutto ora che c’è lei Terza sorella ha messo le mani su Leia, ma considerando la scena finale è molto probabile che la rivedremo almeno la prossima settimana. Se arriva viva alla fine della miniserie, è tutta un’altra cosa.

…e metallo


Star Wars: Obi-Wan Kenobi, Darth Vader torna con la voce di Luca Ward
Star Wars: Obi-Wan Kenobi, Darth Vader torna con la voce di Luca Ward

Veniamo ora a LUI. Introdotto da una breve sequenza di vestizione, Darth Vader torna sulla scena per la gioia dei Sith giovani e meno giovani. A prestargli la voce (italiana) è ora l’ottimo Luca Ward, mentre i lineamenti sono ancora quelli di Hayden Christensen, che vediamo anche nella forma di Anakin Skywalker in un’allucinazione di Obi-Wan. Avevamo già visto una prima vestizione di Darth Vader alla fine di Revenge of the Sith, ma quella mostrata in Obi-Wan Kenobi 1×03 è molto più dettagliata. La scena ci riporta anche in alto Mustafardove Vader eresse il proprio castello, apparso per la prima volta nell’Universo Espanso e ora ufficialmente canonico.

Riportare Vader è sempre stato un problema. Il suo costume nero avrebbe potuto spaventarlo negli anni ’70-’80, ma oggi il personaggio, nonostante non abbia perso un briciolo di carisma, di certo non ha l’impatto che aveva ai primi tempi. Forse è per questo che Disney e Lucasfilm hanno puntato tutto sulla violenza per imporla meglio.


Star Wars: Obi-Wan Kenobi, nel terzo episodio Maestro e apprendista spade laser incrociate
Star Wars: Obi-Wan Kenobi, nel terzo episodio Maestro e apprendista spade laser incrociate

Lo avevano già fatto in Rogue One: A Star Wars Story con l’iconica scena del massacro, ma in Obi-Wan Kenobi hanno decisamente superato se stessi, dipingendolo come una vera forza della natura, un mostro spietato che tortura e uccide innocenti su un capriccio. Non siamo sicuri che aiuti molto a rivalutare l’immagine di Anakin Skywalker in vista del suo futuro riscatto, ma sicuramente ispira soggezione che alza subito la posta in gioco.

E poi lo lascia cadere ad alta voce, perché sappiamo che Obi-Wan sopravviverà fino a Una nuova speranza, quindi qualsiasi duello perderebbe il suo morso. E infatti la prima rivincita tra apprendista ed ex Maestro non è apparsa così intensa come avremmo voluto. È una bella lotta, attenzione e soprattutto perché mostra quanto Darth Vader è superiore al suo vecchio mentore: Obi-Wan riesce a malapena a difendersi, mentre Vader lo insegue tenendo la spada laser in una mano.


Star Wars: Obi-Wan Kenobi, la Fortezza degli Inquisitori su Nur
Star Wars: Obi-Wan Kenobi, la Fortezza degli Inquisitori su Nur

Giusto per sottolineare quanto sia pericoloso, il Signore dei Sith cerca anche di infliggere a Obi-Wan le stesse ferite che ha ricevuto su Mustafar, vale a dire che cerca di bruciarlo vivo. La scena è inquietante, ma il copione, come al solito, prende il via con un momento di sciocchezza: Vader prima spegne le fiamme con un’ondata di Forza, ma poi li lascia infiammare dopo che il blaster di Tala colpisce mentre il suo droide salva Obi-Wan e lo porta in salvo. Non c’è alcuna spiegazione logica se non che Vader potrebbe voler giocare al gatto e al topo o sta usando i soccorritori di Obi-Wan per seguirli al Ribellioneuna strategia vista e rivista nella trilogia originale.

La scena, se non altro, aiuta a centrare il vero problema di Obi-Wan Kenobi come serie TV: il assemblaggio. C’è qualcosa di decisamente sbagliato nella combinazione delle scene, e osiamo anche dire della musica, che non è sempre azzeccata.


Star Wars: Obi-Wan Kenobi, Reva ancora non ci convince
Star Wars: Obi-Wan Kenobi, Reva ancora non ci convince

La scorsa settimana abbiamo visto Reva fai parkour tra le scene per almeno dieci minuti, rompendo completamente l’illusione di un inseguimento che non è stato già girato perfettamente. Abbiamo visto Obi-Wan fermare la caduta di Leia da un tetto, nel bel mezzo di uno scontro a fuoco, solo per riapparire a terra pochi secondi dopo senza che una scena lo mostrasse mentre scendeva. E questa settimana abbiamo visto Tala tornare sui suoi passi senza incrociare Reva, che avrebbe dovuto trovarsi all’ingresso della galleria, ma che invece compare all’uscita per rapire Leia. Fermo restando che quei tunnel potrebbero avere più sbocchi, è una scena mal montata che finisce per distogliere l’attenzione dello spettatore.

Su Reva, invece, c’è ancora poco da dire. La Disney, nei giorni scorsi, ha lanciato una campagna di sostegno a favore dell’attrice Mosè Ingram per combattere il solito, inutile razzismo dei perdenti sui social. E questa è una cosa buona e giusta, ma per noi il problema di Reva non è certo il colore della sua pelle: il suo personaggio, finora, è scritto molto male.


Star Wars: Obi-Wan Kenobi, Ewan McGregor vuole tornare per una seconda stagione
Star Wars: Obi-Wan Kenobi, Ewan McGregor vuole tornare per una seconda stagione

La serie tv ritrae la Terza Sorella come una nemesi che nasconde un prevedibile trauma strettamente legato a Obi-Wan Kenobi, ma mette troppo mano al suo risentimento e alla sua aggressività, che stanno diventando un filo conduttore, anche in virtù della sua rivalità con Quinto fratello. Se non altro, le scene dell’Inquisitore ci hanno mostrato ambienti live action in cui abbiamo già visto Star Wars Jedi: Fallen Order, proprio come la fortezza sulla luna di Nur. Ma Obi-Wan Kenobi ha ancora tre episodi per rivalutare questi antagonisti che avrebbero dovuto essere molto più carismatici.

Ci aspettiamo che uno dei prossimi episodi faccia luce sul passato di Reva, anche perché siamo già a metà strada: la miniserie sarà composta da sei appuntamenti in totale, e anche se Ewan McGregor si è detto disposto a continuare le avventure di Obi-Wan, di cui è anche produttore esecutivo, per il momento si parla di un’unica stagione a chiusura automatica.

Commento

Il terzo episodio di Obi-Wan Kenobi riporta la serie TV in carreggiata dopo una doppia premiere di alti e bassi. Si respira a fondo l’aria di Star Wars, ma permangono alcune incongruenze, soprattutto in fase di montaggio, che ne indeboliscono il risultato finale. Leia continua a primeggiare insieme al Maestro Jedi protagonista, ma il ritorno di Darth Vader, anche con un duello meno esaltante di quanto avremmo voluto, avrebbe potuto migliorare una situazione che sfavoriva gli anonimi antagonisti. Il prossimo episodio rivaluta la Terza Sorella? Lo scopriremo tra una settimana.

PRO

  • Darth Vader è davvero terrificante
  • Le scene introspettive di Obi-Wan
  • Tala sembra una grande aggiunta al cast

CONTRO

  • Gli Inquisitori ancora non convincono
  • Problemi evidenti in fase di montaggio

Leave a Reply

Your email address will not be published.